In ognuno di noi batte un Cuore ........ Cuore azzurro

Mario Passaretti

Mercoledì, 16 Novembre 2016 10:05

Hamsik preoccupa rischia il forfait a Udine

Non bastasse l'emergenza attacco, che dovrebbe tenere fuori anche Gabbiadini dalla trasferta di Udine, ci si mette anche l'influenza a rovinare i piani di Sarri. Ne è stato vittima capitan Hamsik, che purtroppo è stato colpito da una forma molto debilitante del virus, che finora lo ha messo ko. Le possibilità che il capitano possa essere presente nella sfida della Dacia Arena ci sono, ma è chiaro che bisognerà mettere in conto che non è al meglio e quindi potrebbe andare in panchina. Fatto il tridente offensivo che sarà composto da Insigne, Mertens e Callejon, a questo punto bisogna capire chi potrebbe essere tra Zielinski e Giaccherini il sostituto del capitano nel caso non dovesse farcela. Napoligol.it
Senza un centravanti di ruolo, Sarri sposterà in avanti il belga lasciando la fascia sinistra a Insigne o a Giaccherini. Si rivede Albiol. Ghoulam: ballottaggio con Strinic Il Napoli si presenterà ad Udine sabato senza un centravanti di ruolo: Gabbiadini è ancora ai box per il problema muscolare che gli ha impedito di rispondere alla convocazione da parte di Ventura e dunque, con Milik infortunato, a Sarri non resta che giocarsi la carta Mertens. LO SCENARIO — Il belga, dunque, si sposterà al centro dell'attacco lasciando la fascia sinistra ad uno tra Insigne e Giaccherini. Quest'ultimo è rimasto a Castel Volturno nelle ultime due settimane ad allenarsi con il gruppo mentre "Lorenzinho" sarà di scena anche stasera - probabilmente a gara in corso - con l'Italia. Sarri che predilige sempre utilizzare chi ha potuto lavorare regolarmente è tentato dal lanciare, per la prima volta, il "soldato" Giak dall'inizio anche per avere poi un cambio offensivo (Insigne appunto) da potersi giocare a gara in corso. Per il resto, rientrerà Albiol al fianco di Koulibaly mentre Ghoulam si giocherà il posto con Strinic ed Allan dovrebbe essere preferito a Zielinski in un ballottaggio tra ex friulani.
Ormai è chiaro: al Napoli serve un attaccante, e l’obiettivo principe è Leonardo Pavoletti. Con l’infortunio di Milik e la crisi di Gabbiadini, i partenopei saranno costretti ad acquistare una o addirittura due punte nel mercato di gennaio, e il rossoblù, già corteggiatissimo in estate, è in cima alla lista di Giuntoli. Ad agosto Preziosi, non avendo tempo per trovarne un sostituto, rispedì al mittente le avances di De Laurentiis, ma stavolta le cose potrebbero cambiare: come riporta oggi La Gazzetta dello Sport, i partenopei hanno messo sul piatto ben 20 milioni di euro, una proposta che il Grifone sta seriamente valutando. Il giocatore, secondo la Rosea, nonostante i rumors sui dubbi di questi giorni avrebbe già espresso il suo sì al trasferimento tramite l’agente, mentre il Genoa vorrà valutare anche il rendimento di Giovanni Simeone, che potrebbe rappresentare l’erede di Pavogol ed ha dato ottime sensazioni in questi primi mesi della stagione. La trattativa entrerà nel vivo a dicembre. Fonte:Tuttonapoli.net
Prima proposta di De Laurentiis a Preziosi per il centravanti. Intanto Giuntoli si muove per l'estate: piacciono i baby Isak, Bailey, Romero. Spunta una cena con Ciciretti del Benevento Futuro prossimo e futuro remoto. Il Napoli pensa al domani e per gennaio cerca due profili: una punta centrale ed eventualmente un terzino in grado di giocare su entrambe le fasce. Pavoletti è per distacco il primo obiettivo in attacco, mentre per il ruolo di difensore esterno si pensa, anche, a D'Ambrosio dell'Inter. PRIMA OFFERTA — Il discorso col Genoa, in ogni modo, è stato avviato: De Laurentiis ha sentito Preziosi al quale ha fatto una prima proposta, offrendogli una cifra superiore ai 20 milioni. Un qualcosa sul quale il presidente genoano rifletterà, ma prima di dicembre la trattativa non entrerà nella fase calda. FUTURO REMOTO — Il direttore sportivo Giuntoli, però, guarda anche più avanti, cioè al mercato estivo e si concentra su giovani di talento che potrebbero arricchire l'organico azzurro a prescindere da quello che sarà il progetto tecnico. Piace molto il centravanti Isak dell'Aik Solna, classe '99 ma già protagonista con dieci reti nel campionato svedese. Su di lui c'è tanta concorrenza, almeno quanta ce n'è per Bailey, classe '97, esterno sinistro d'attacco del Genk. Il papà-agente del ragazzo è stato a Napoli per conoscere le strutture del club ma il richiamo della Premier sembra in questo momento essere più forte di quello del San Paolo. Meno giovane, classe '93, e più accessibile è Ciciretti del Benevento che il Napoli ha osservato dal vivo anche contro il Cittadella. Giuntoli ha cenato con il ragazzo ed il suo agente Pisacane per sondarne la disponibilità, con i sanniti si può trattare. Ciciretti, talentuoso mancino, era una grande promessa nel vivaio della Roma. A proposito di promesse, per la difesa è stato promosso dagli osservatori del Napoli il profilo di Romero, centrale di piede destro del Belgrano. È un '98 che ha impressionato tutti al Torneo di Viareggio quest'anno e tra i club intenzionati a portarlo in Italia c'è anche il Napoli. Fonte:Gazzetta dello Sport
José Maria Callejon e il ritorno in nazionale, un vero e proprio ritorno di fiamma. L’attaccante del Napoli, intercettato dai microfoni di Granada Hoy, ha parlato delle sue sensazioni dopo i minuti giocati con la sua Spagna contro la Macedonia e si è inoltre soffermato sul momento che sta vivendo in azzurro. “Quei tre minuti sono stati come 90 per me. Ho visto tanti amici e familiari allo stadio, è stato un momento unico. Spero di esserci ai Mondiali, continuerò a dare il massimo nel Napoli e vedremo se il mister mi riterrà in grado di esserci. Futuro al Granada? Non lo so, ora a Napoli sono molto felice. Ho rinnovato per altri quattro anni, per il futuro vedremo. Sia io che la mia famiglia ci troviamo davvero bene, ci trattano in maniera splendida i tifosi e il club. Resteremo lì. Sarri mi ha aiutato tanto, ma da quando sono arrivato in azzurro ho avuto grande continuità. Ora ho più duttilità tattica, e questo anche grazie a lui. Farai come Higuain? No, no. Ho rinnovato e mi aspettano altri quattro anni in azzurro”. Fonte:mediagol.it
La ricerca della prima punta è ormai cominciata da diverse settimane in casa Napoli. In attesa del rientro di Arek Milik, Giuntoli si guarda attorno alla ricerca di una prima punta che possa interpretare al meglio quel ruolo che Manolo Gabbiadini fa fatica a ricoprire con le giuste garanzie. Come riporta oggi ll Corriere dello Sport, uno dei nomi forti è quello di Aleksandar Mitrovic: l’attaccante del Newcastle classe ’94 ha il vantaggio dell’età, giovane ma già con una discreta esperienze in Belgio ed in Inghilterra sotto la guida di Rafa Benitez. Giuntoli – si legge - lo segue dai tempi dell’Anderlecht, ed avrebbe avviato le perlustrazioni per capire quali siano i margini reali di trattativa.
Il tecnico toscano oggi alla ripresa degli allenamenti avrà tre gradite sorprese. Si uniscono al gruppo, infatti, Albiol, Gabbiadini e pure Hamsik che è rientrato in anticipo dagli impegni con la sua nazionale. Certo, per quanto concerne l'attacco Manolo non è sicuro del posto perché Mertens è segnalato in grande condizione e ieri ha realizzato addirittura una tripletta con il Belgio. Attesi a Castelvolturno, come da programma, anche Koulibaly ed Hysaj ma la maggiore trepidazione riguarda le condizioni di Ghoulam che pare abbia un problema all'adduttore dopo la partita di qualificazione al prossimo Mondiale disputata con l'Algeria. Nell'eventualità non dovesse farcela è pronto Strinic, il quale invece ha perso la nazionale proprio per via dello scarso impiego fin qui da parte di Sarri. Fonte:Gazzetta dello Sport
Arrivano buone notizie da Arek Milik. Il controllo svolto ieri a Villa Struart procede bene, come ha confermato anche il professor Mariani (Clicca qui per leggere le sue parole). L'edizione odierna della Gazzetta dello Sport scrive sui tempi di recupero: "Tra un paio di mesi potrebbe rimettersi a lavoro con i compagni e per metà febbraio essere a tutti gli effetti arruorabile". Nel giorno di San Valentino è previsto il match di andata degli ottavi di finale di Champions: il ritorno in campo del polacco - secondo la rosa - potrebbe avvenire proprio nella festa degli innamorati.
Il nuovo Valencia di Cesare Prandelli guarda in Italia per rinforzare la squadra. L'ex ct della Nazionale ha messo gli occhi su Manolo Gabbiadini. Lo riporta l'edizione odierna di Tuttosport. Il quotidiano torinese rivela che il club spagnolo è disposto ad offire 20 milioni per accappararsi il calciatore, che al Napoli continua a non avere grandi fortune.
Con la chiusura di Pavoletti ad un possibile trasferimento a gennaio, il nome di Simone Zaza resta il più caldo in casa Napoli per il mercato di gennaio. L'edizione odierna di Tuttosport rivela che, tra i nodi da scogliere, c'è il fatto che il calciatore pone un problema legato ai diritti d'immagine. Inoltre, bisogna capire se il club londinese sia interessato a riscattarlo, o bisognerà trattare con la Juventus. Per questo Giuntoli tiene gli occhi puntanti anche sul 22enne serbo Alexander Mitrovic, in rotta al Newcastle con Rafa Benitez per ragioni disciplinari. Da scartare, secondo il quotidiano, le ipotesi Belotti e Defrel. Giuntoli ha sentito il ds del Torino Petrachi, ma il gallo non lascerà la maglia granata almeno fino a giugno, e quello del Sassuolo Carnevali che gli ha opporto un secco no per Defrel. Fonte:Tuttosport
Pagina 57 di 68